Caffè Borbone e la certificazione CIC: missione riciclo

17 Dicembre, 2017   |  

 

All’interno del suo sito internetCaffè Borbone ha ufficialmente comunicato di aver finalmente portato a termine l’iter che certifica la compostabilità al 100% della sua cialda.
Il traguardo è stato raggiunto grazie a un lungo lavoro del team di ricerca e innovazione che è riuscito a raggiungere questo grandissimo risultato sottoponendo le cialde a rigide verifiche relative alla compostabilità del prodotto.
Pertanto, da ora in poi le cialde a marchio Caffè Borbone saranno prodotte con carta filtro 100% compostabile, ovvero mediante l’utilizzo di materiali organici che si decompongono totalmente, permettendo di differenziare la cialda esausta direttamente nel contenitore dell’umido.

 

 

Interessante l’intero iter che ha portato l’azienda fino a questi grandi risultati. La certificazione ottenuta dalla torrefazione campana riveste particolare importanza in quanto rilasciata dal CIC (Consorzio Italiano Compostatori). Il CIC è una struttura senza fini di lucro che riunisce imprese ed Enti pubblici e privati produttori di compost e organizzazioni interessate alle attività di compostaggio, quali produttori di macchine e attrezzature, di fertilizzanti, o ancora Enti di ricerca. Il Consorzio collabora inoltre con Enti pubblici quali il Ministero dell’Ambiente, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il Ministero della Salute e opera in collaborazione con Certiquality, un organismo di certificazione al servizio delle imprese, specializzato nella certificazione dei sistemi di gestione aziendale per la qualità, l’ambiente e la sicurezza, nella certificazione di prodotto e nella formazione.

 

Il marchio registrato C.I.C., assegnato alla cialda prodotta da Caffè Borbone, contraddistingue tutti i prodotti compostabili, ossia idonei a trasformarsi in compost se sottoposti a recupero mediante compostaggio industriale.
Si tratta, dunque, di un marchio attestante l’oggettiva qualità compostabile del prodotto. E quale prodotto potrebbe perfettamente essere abbinato ad una cialda di caffè totalmente compostabile? Indubbiamente, un bicchiere di carta biodegradabile, monouso ed ecologico. Ormai il mercato ne è sempre più avvezzo, soprattutto grazie alla diffusione di un’immagine della bevanda consumata durante momenti di assoluta spensieratezza, non necessariamente spesi tra le mura domestiche, ma anche e soprattutto in luoghi pubblici e di scambio sociale quali, ad esempio, parchi, scuole, Università, centri commerciali. Tutto ciò avviene anche perché, con la diffusione a macchia d’olio dell’abitudine di consumare bevande calde fuori casa, è stato inevitabile l’inserimento nel mercato di un pratico coperchio salva goccia relativo a ciascun bicchiere, in modo da poter trasportare il prodotto scelto senza alcun rischio di rovesciarlo e poter successivamente, una volta terminato, gettare il contenitore nell’apposito cestino dell’umido. Comodo, no?

 

ESPRESSO360 © 2017 | All Rights Reserved
Credit : Studio70